Attacchi informatici

La sicurezza informatica ha rappresentato, fin dagli inizi della digitalizzazione, uno degli aspetti più importanti da tenere in considerazione. Oggi, ogni impresa gestisce dati preziosi che conserva nei propri server fisici o cloud e intere realtà poggiano su infrastrutture informatiche. E-commerce, database ricchi di informazioni sensibili e dati riservati e sistemi tecnologici sono continuamente a rischio attacchi informatici.

Proprio per questo la cybersecurity dev’essere vista come una voce importante del proprio budget IT: sia gli imprenditori che i clienti devono sentirsi al sicuro, e così i loro dati. L’infrastruttura informatica deve essere difesa dai continui attacchi e dalle continue violazioni che si rischiano di subire e le piattaforme tecnologiche devono restare online e funzionati 24 ore su 24 per evitare rallentamenti e blocchi delle macchine.

L’importanza di questa voce è aumentata ancor di più durante questa pandemia globale e nel 2021 ci si aspetta un trend in crescita veramente preoccupante per quanto riguarda gli attacchi informatici.

Boom di attacchi informatici nel 2020

Il Covid-19 ha causato una repentina e frenetica digitalizzazione di imprese e aziende che si sono trovate ad adottare ambienti tecnologici senza una corretta preparazione e un corretto passaggio da una sistema all’altro. La veloce modernizzazione delle PMI è stata il perfetto scenario per un esponenziale aumento di attacchi informatici.

Molte realtà, infatti, erano sprovviste di adeguati sistemi di sicurezza informatici e questo le ha portate a subire gravi violazioni a livello di protezione dei dati.

Secondo uno studio realizzato da Opinion Matters per VMware Carbon Black, Italia Threat Report: Le imprese estese sotto minaccia, una violazione su tre, avvenuta in Italia, è dovuta a falle nelle catene di approvvigionamento. Il 26% delle violazioni sarebbe avvenuto nell’island hopping; questo a causa della facilità con cui gli hacker riescono ad infiltrarsi nei vettori di attacco nella catena di approvvigionamento. Elevate anche le percentuali degli attacchi ai sistemi operativi, 18%, e alle applicazioni web, 14%.

I restanti dati sono sconcertanti:

  • il 99% delle aziende italiane ha dichiarato di aver subito un attacco informatico negli ultimi 12 mesi e una conseguente violazione dei dati
  • vi è stata una media di 2,2 violazioni per azienda
  • l’85% delle imprese ha dichiarato che gli attacchi sono diventati più sofisticati, e il 5% afferma che sono diventati significativamente più avanzati
  • il 98% dei professionisti della sicurezza conferma un aumento nel volume degli attacchi.

Quello che è emerso, quindi, è stato un aumento significato degli attacchi dovuto alla pandemia di Covid-19. I cybercriminali hanno sfruttata questa già gravosa e nefasta pandemia per sferrare gli attacchi in modo ancora più massivo. Siti di pubbliche amministrazioni sono stati bucati, e così i sistemi delle aziende e degli spedali.

Dal report del Clusit, l’Associazione Italiana per la sicurezza informatica, è emerso che sugli 850 attacchi informatici più gravi, 119 di questi sono direttamente riferibili alla pandemia.

Perché la sicurezza informatica è così importante?

Non puoi pensare alla cyber security come ad una voce ulteriore da aggiungere alle spese di gestione aziendale. Tutt’altro: la sicurezza informatica è uno dei più preziosi investimenti per il futuro. Oggi la sicurezza dei dati e l’uptime dei sistemi tecnologici è di vitale importanza.

I costi derivanti dalla violazione di dati sensibili o dal blocco delle macchine e dell’ambiente IT sono infatti ben più onerose di qualunque intervento che vi ponga rimedio in modo preventivo. Per questo dovresti investire in:

  • Identity and access management.
  • Vulnerability management.
  • Risk and compliance management.
  • Intrusuion detection e prevention.

Non sottovalutare, poi, la protezione che può assicurarti un cloud backup o un disaster recovery, grazie ai quali potresti andare a recuperare i dati persi o sottratti durante una violazione o attacco hacker, in modo da limitare i danni subiti.

Il mercato dell’information security è tanto importante che, secondo le stime, dell’Osservatorio Cybersecurity e Data Protection del Politecnico di Milano, nel 2019 ha superato gli 1,3 miliardi di euro. Risulta chiaro come le aziende lo ritengano un investimento fondamentale per quanto riguarda l’innovazione tecnologica. Si stima, inoltre, che, entro il 2021, la spesa globale del cyber crimine raggiungerà gli 11,4 milioni di dollari al minuto.

La sfida della cybersecurity nel 2021

Le aziende italiane devono prepararsi alla sfida che le aspetta nel 2021. All’aumentare delle strategie di lavoro in smartworking e al crescere degli ambienti IT in giro per il mondo, la sicurezza informatica rivestirà un ruolo sempre più rilevante.

Gli attacchi informatici aumenteranno, come previsto anche dagli esperti CyberArk, e così le violazione di dati sensibili, almeno che le aziende non si affidino a soluzioni di cybersecurity che mettano in sicurezza le loro infrastrutture e i dati in esse conservati.

Anche il lancio del 5G potrebbe aumentare in modo significativo le violazioni da parte dei cybercriminali. Il 5G aumenterà infatti la larghezza di banda complessiva, aumenterà la quantità di dispositivi IoT collegati e consentirà più frequenti attacchi DDoS.

La sfida sarà quindi riuscire ad aiutare le aziende a modernizzare e digitalizzare i propri sistemi garantendo la protezione dei loro ambienti IT dagli attacchi dei criminali informatici. Questo anche andando ad aumentarne la consapevolezza nei confronti della tecnologia.

Come difendersi dagli attacchi informatici in arrivo

Un primo passaggio fondamentale è quello dell’IT assessment. Questa valutazione andrà a studiare in modo dettagliato l’ambiente informatico della tua azienda, andando ad individuarne tutte le problematiche e lacune. Questo farà emergere le falle nel sistema di sicurezza che potranno essere sistemate grazie all’assistenza informatica che offriamo.

Un’altra logica alternativa è quella di richiedere una consulenza in sicurezza informatica per andare ad implementare nuove soluzioni più efficaci per proteggere il proprio reparto IT e garantire ai propri clienti una gestione sicura dei loro dati sensibili.

Per proteggere la tua azienda dagli attacchi informatici, ti suggeriamo di rivolgerti anche ad un managed service provider. Esternalizzando la gestione dell’ambiente IT potrai aumentarne il grado di sicurezza, grazie ad un’assistenza proattiva che me manterrà aggiornati e sicuri i sistemi, intervenendo in modo istantaneo in caso di necessità.


bisogno di assistenza?

Dichiaro di aver preso visione della web privacy policy
Acconsento al trattamento dati di cui alla finalità b) in ambito marketing della web privacy policy

articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *