Videosorveglianza da remoto in azienda, perchè non si può più aspettare?

Videosorveglianza da remoto in azienda, perchè non si può più aspettare?

I sistemi di videosorveglianza aziendale sono strumenti preziosi per assicurare la sicurezza dei luoghi fisici di lavoro e proteggerli da intrusioni non autorizzate ma anche semplicemente per monitorare il ciclo produttivo a distanza.

Come molte altre tecnologie, anche la videosorveglianza ha beneficiato negli ultimi anni dell’avvento delle soluzioni cloud-based e ormai quasi tutte le soluzioni enterprise-level di videosorveglianza offrono la possibilità di accedere, attraverso un’interfaccia web, alle immagini trasmesse dalle videocamere live o alle registrazioni effettuate.

Considerato anche il costo dello storage che si è abbassato notevolmente (soprattutto quello degli hard disk meccanici), questo è un momento ottimo per adeguare il proprio impianto di videosorveglianza o per installarne uno in linea con le attuali tecnologie.

Ma come scegliere un sistema di videosorveglianza affidabile e adatto alle proprie necessità? Cerchiamo di vedere assieme qualche consiglio utile.

Videosorveglianza: server e telecamere

Nella sua configurazione base, un sistema di videosorveglianza è formato da delle telecamere dislocate nell’area aziendale, collegate via cavo o wireless ad un server (chiamato spesso DVR o digital video recorder) con una certa quantità di storage disponibile, con un software di controllo, a sua volta con determinate funzionalità.

Pur con l’evolversi della tecnologia, le moderne configurazioni di videosorveglianza non si discostano troppo da questo schema.

Le telecamere: wireless o cablate?

La scelta fra queste due tecnologie è dettata da questioni logistiche: telecamere cablate presuppongono che l’intera sede aziendale sia raggiunta da cavi ethernet o comunque che si possano posare nuovi cavi senza particolari difficoltà.

Come sappiamo, questo non è sempre possibile, e le telecamere wireless sono una valida soluzione. Le telecamere di questo tipo si connetteranno direttamente alla rete aziendale per essere poi “rilevate” dal software del server.

Per quest’ultime, bisogna assicurarsi che la rete sia sufficientemente potente da coprire il segnale nell’area prefissata e che la larghezza di banda supporti la qualità del video trasmesso.

Qualità dell’immagine e tecnologia delle telecamere

In questo caso, la scelta è molto più ampia, e deve essere basata sulle reali necessità dell’azienda. Telecamere esposte all’esterno dovranno essere resistenti all’acqua e alle intemperie, mentre per la sorveglianza notturna bisognerà scegliere modelli che offrano l’illuminazione a infrarossi o comunque un sensore adeguato.

Alcune telecamere possono essere motorizzate e zoomabili, molto utili nel caso vi siano aree molto grandi da sorvegliare, altre invece offrono angoli di visione molto ampi, in maniera da raggiungere più o meno lo stesso scopo con un prezzo nettamente inferiore.

Per quanto riguarda la qualità dell’immagine, lo standard rimane ancora fissato a 1080p, il cosiddetto Full HD, anche se le telecamere 4k sono sempre più diffuse.

Il server: cosa privilegiare

Nella scelta del server, è bene soffermarsi su due aspetti fondamentali: la semplicità di utilizzo e la scalabilità.

Al di là del numero di funzioni, un software ben fatto sarà semplice da utilizzare e veloce. Un grosso vantaggio è dato dall’integrazione con servizi cloud che permettano di controllare le telecamere e accedere alla registrazioni da remoto.

Per scalabilità invece si intende la capacità di aggiungere ulteriori telecamere in futuro, o aumentare lo spazio di archiviazione locale: alcuni DVR hanno un numero fisso di canali, esauriti i quali sarà necessario acquistare un modello più grande. Questo problema ovviamente non sussiste nel caso di telecamere wireless.

Affidarsi ad un consulente è una buona scelta

Considerata l’enorme scelta di impianti di videosorveglianza attualmente presenti sul mercato, la scelta può rapidamente trasformarsi in un incubo: affidarsi ad un consulente competente rappresenta senz’altro una soluzione che permette di risparmiare tempo, assicurandosi al contempo di avere un’infrastruttura affidabile anche in futuro.