Sistema Mes: perchè l’iperconvergenza è indispensabile

Sistema Mes: perchè l’iperconvergenza è indispensabile

Un sistema Mes (manufacturing execution system) è un sistema di informazioni che monitora e analizza i flussi di dati ed i processi aziendali.

Il suo obiettivo principale è di ottimizzare e rendere il più efficienti possibili tutti i passaggi del ciclo produttivo, e di migliorare il risultato finale. Questo obiettivo, per l’appunto, è raggiunto tramite la raccolta di dati in tempo reale sull’intero iter produttivo e sulla loro conseguente analisi.

L’aspetto informatico in un sistema Mes è fondamentale: tutti i dati vengono raccolti tramite sensori, input manuali, contatori, in genere da qualsiasi dispositivo utile a rilevare dati e trasmetterli ad un server centrale.

Una volta aggregati, questi dati riescono a dipingere il ciclo produttivo aziendale dalla a alla z, e ad evidenziarne punti deboli, passaggi inefficienti, spreco di risorse, permettendo di intervenire in maniera precisa e tempestiva.

In quest’ottica di ottimizzazione, è importante quindi che una soluzione Mes rilevi dati in maniera continuativa, senza interruzioni: ogni perdita di dati corrisponderà ad una mancanza di efficienza e a conseguenti potenziali perdite economiche.

Sistemi Mes e business continuity

Per assicurare questa continuità di servizio, e trattandosi tutto sommato di un sistema informatico come altri, anche le soluzioni Mes traggono beneficio da sistemi di business continuity, ossia strategie automatizzate che permettono all’azienda, in caso di disastro, di tornare all’attività nel più breve tempo possibile.

La tecnologia che attualmente permette il più alto grado di sicurezza da questo punto vista, è l’iperconvergenza.

Importanza dei sistemi iperconvergenti

Le infrastrutture iperconvergenti stanno prendendo sempre più piede grazie alla lora capacità di riunire in un unica soluzione le classiche componenti di un reparto IT, come storage, networking e server, riducendo i costi e offrendo tutta una serie di vantaggi rispetto all’architettura tradizionale, anche grazie all’integrazione con tecnologie cloud-based.

Dal punto di vista della business continuity e disaster recovery, un sistema iperconvergente semplifica e velocizza notevolmente le azioni da prendere in caso di disastro. Vediamo in che modo in tre punti fondamentali.

  1. Semplifica il disaster recovery

L’iperconvergenza è in grado di gerarchizzare i processi, in maniera da dare la precedenza a quelli critici in fase di ripristino.

Oltre a questo, molti sistemi iperconvergenti prevedono sistemi di protezione dati, come tecnologie di cloning e multi-site replication. 

  1. Riduce i costi del disaster recovery

Quasi tutte le soluzioni iperconvergenti includono capacità di backup estensive e di recovery in tempi estremamente brevi, senza hardware addizionali: in questa maniera la perdita economica viene minimizzata.

  1. Software di controllo avanzati 

Le architetture iperconvergenti vengono gestite da sistemi operativi centralizzati, che possono controllare qualsiasi aspetto dello storage, della sicurezza e del networking, anche remotamente via cloud.

Inoltre, in caso di disastro, il software e tutte le impostazioni possono essere replicate in un’altra macchina senza particolari difficoltà.

Sistemi Mes: protetti al meglio con sistemi iperconvergenti

Questi sono solo alcuni dei motivi per i quali un’infrastruttura iperconvergente offre capacità di disaster recovery notevolmente aumentate rispetto alle architetture standard dei reparti IT.

In particolar modo, alle aziende con attive soluzioni Mes, i server iperconvergenti assicurano un grado elevato di affidabilità rispetto all business continuity, senza perdite di dati preziosi e senza lunghe interruzioni del ciclo produttivo.