Managed Service Provider: assistenza informatica all inclusive

Managed Service Provider: assistenza informatica all inclusive

Managed Service Provider (MSP) è un termine che ultimamente riecheggia spesso nei reparti IT di aziende grandi e piccole e che viene di solito utilizzato come sinonimo di “fornitura di servizi IT”.

In realtà, questo termine ha un significato ben particolare. Per delineare correttamente cosa si intenda quando si parla di Managed Service Provider, bisogna innanzitutto inquadrare cosa sia un servizio gestito.

Managed service

Un servizio gestito o, in inglese, managed service, è un servizio aziendale che viene erogato e controllato da un fornitore esterno che coincide, per l’appunto, con il managed service provider.

L’offerta di supporto classica, chiamata a volte anche break/fix, prevede un intervento di assistenza su chiamata in caso di guasto o segnalazioni di problemi, a volte coadiuvato da sistemi di monitoraggio attivo.

Un servizio gestito, invece, eroga direttamente il servizio e si preoccupa di mantenerlo attivo, aggiornato e sicuro. Facendo un rapido esempio, prendendo come spunto la lotta contro i virus informatici, possiamo dividere le tipologie di assistenza in tre tipi di approccio:

Break/fix: all’insorgere di un problema legato a virus informatici, si chiama l’assistenza ed essa interviene sul posto per risolvere il problema

Proattivo: l’azienda che eroga il servizio di assistenza si occupa di installare l’antivirus/firewall nei server, assicurandosi che si attivi automaticamente in caso di presenza di virus.

Managed service: l’azienda che eroga il servizio si occupa di fornire, installare e configurare il sistema antivirus, lo mantiene aggiornato, pianifica le scansioni, verifica i log  e lo gestisce remotamente. Nel caso si verifichi un problema interviene senza bisogno di essere allertata.

Come funziona un managed service provider

Un managed service provider è dunque un’azienda che offre servizi IT in maniera gestita. Per sommi capi, possiamo riassumere le caratteristiche più comuni nei seguenti punti:

  • supporto telefonico e remoto illimitato
  • gestione e manutenzione IT proattiva
  • gestione dei fornitori
  • tariffazione flat, ossia con un fisso mensile/annuale

Supporto telefonico e remoto illimitato

Anziche tariffare le chiamate ed il supporto remoto per sessione, un Msp offre all’interno del contratto di gestione una quantità illimitata di ore di assistenza.

Il cliente non dovrà più preoccuparsi quindi della frequenza e della durata con cui interpella il supporto per qualsiasi problema.

Gestione e manutenzione IT proattiva

Anziche aspettare che i problemi si presentino, un Msp attua una strategia di controllo dell’infrastruttura aziendale chiamata proattiva: in sostanza significa lavorare in modo che non si verifichino problemi o che si verifichino il meno possibile.

Gestione dei fornitori 

Un Msp si occupa di intermediare fra l’azienda cliente e tutta la serie di fornitori di soluzioni informatiche che ruotano attorno ad un reparto IT: hardware, telefonia, software house, hosting provider.

Questo oltre a far risparmiare tempo all’azienda, permette molto spesso di avere prezzi di favore, nonche la sicurezza di essere sempre al passo con le ultime tecnologie.

Tariffazione flat

Nei contratti di assistenza classici, ogni intervento viene fatturato a parte: nel caso di problemi complessi, il conto finale può facilmente diventare importante.

Un Msp invece offre i suoi servizi con una tariffazione flat, concordando preventivamente le caratteristiche del contratto con il cliente, il quale pagherà un fisso mensile o annuale senza doversi preoccupare di fronteggiare spese improvvise.

Passare ad un managed service provider: una scelta vincente

Sottoscrivere un servizio di servizi gestiti con un partner serio e affidabile permette, come abbiamo visto, di risparmiare tempo e denaro ma soprattutto, ed è questo il vero vantaggio di affidarsi ad un Msp, di delegare l’intera gestione del reparto IT ad un’azienda specializzata.